Bruschi risvegli

30 aprile 2013
Ore 8.50, domenica mattina. Una mano leggera mi tocca la spalla svegliandomi.
“Mamma…?”
“Eh, amore…”
“Ma…quando nasce la nostra sorellina?”
“…….!!!?????!!!”

Piccoli “ballerini” crescono…

20 aprile 2013
“Chi ha buttato il peluche fuori dalla finestra?”
“Nessuno”
“Nessuno? Non dirmi che è stato il Leo!”
“Ecco, sì, è stato il Leo!”
“E come ha fatto, che manco ci arriva?”
“Eh… si è messo sulle punte…!”

Cose da non chiedere mai…

17 aprile 2013
“Allora, cos’hai fatto oggi all’asilo, Pietro?”
“Prima ho fatto il trenino con Claudia e Laura, poi abbiamo fatto un sonnellino, ci siamo rivestiti e dopo sono venuto a casa!”
“…………………………………”

Gioventù polemica

3 aprile 2013

“Aspetta Pietro: prima della maglietta metti la maglia della salute!”

“Non si chiama maglia della salute, si chiama canottiera!”

“Si chiama anche maglia della salute, perché tiene caldo il pancino e non ti fa ammalare…”

“Ah sì? E dove c’è scritto?”

“Perché…dev’essere scritto da qualche parte?”

“Beh, magari sull’etichetta, no?”

Curioso come una scimmia

13 gennaio 2013

“Mamma… ma come hai fatto a costruirmi dentro la tua pancia?”

“Mamma… ma quando mi hai costruito nella tua pancia, perchè mi hai costruito maschio?”

“Mamma… ma come faccio a trasformarmi in un animale?”

San Tommaso

08 gennaio 2013

“Pietro, lascia stare tuo fratello, che Gesù bambino dal cielo ti vede quando fai il monello!”
“E come fa a vedermi, che c’è il tetto?”

Non fa una piega

07 gennaio 2013

“Pietro, dai, abbassa il volume che Leo dorme!”
“Ma mamma, se dorme allora vuol dire che non sente!”

Quando sarebbe meglio non fare la maestrina

06 gennaio 2013

Leggendo il libro regalato a Natale con le prime paroline in inglese:
“Vedi, Pietro: quando la parola inizia per “k”, non si pronuncia… per esempio questa “knife” si legge “nàif”, capito?”
“Sì mamma, capito. Quindi… questa “key” si pronuncia… “ey”, giusto?”

Un attore nato

14 dicembre 2012

Dopo una settimana di assenza dall’asilo causa influenza, in vista della recita di Natale che si terrà martedì, nonostante l’aura di mistero che da un mese almeno permea questa lieta occasione, mi sbilancio: “Pietro, visto che stai guarendo, credo che riuscirai a partecipare alla recita di Natale. Ti ricordi ancora la tua parte?”

Continua a leggere →

Animali sporchi

4 novembre 2012

Pietro con gli stivaletti salta nelle pozzanghere in centro.

A un certo punto si avvicina pericolosamente ad una piena di fango.

“No, Pietro, fermati! Non vedi che c’è la palta dentro?” urlo, perfettamente conscia che il mio monito cadrà nel vuoto.

Continua a leggere →